Tag

,

Con questa rubrica si vorrebbe dare ‘voce viva’ a testi di diverso genere e ad autori noti e meno noti che di solito vengono conosciuti tramite lettura personale e spesso silenziosa. Senza nulla togliere alla profondità dell’esperienza soggettiva di immersione nel testo, con questo tentativo si vuole porre l’accento sulla modalità dell’ascolto e della compartecipazione acustica dell’espressione letteraria, così come accade quando assistiamo ad uno spettacolo teatrale o, più semplicemente, quando dialoghiamo. La scelta di autori e testi sarà a cura della redazione, tuttavia non si esclude che potranno essere prese in considerazione proposte di lettura su iniziativa di esterni alla stessa redazione, avendo cura di inviare copia del testo proposto. Solo un’avvertenza: la voce narrante è quella di un lettore comune e non l’espressione professionale di un attore, così come l’ambiente operativo che non è uno studio di registrazione.

 

Sia questo il verso
 
 
Mamma e papà ti fottono.
 
Magari non lo fanno apposta, ma lo fanno.
 
Ti riempiono di tutte le colpe cha hanno
 
e ne aggiungono qualcuna in più, giusto per te. 
 
 
 
 
Ma sono stati fottuti a loro volta
 
da imbecilli con cappello e cappotto all’antica,
 
che per metà del tempo facevano moine
 
e per l’altra metà si prendevano alla gola. 
 
 
 
 
L’uomo passa all’uomo la pena.
 
Che si fa sempre più profonda come una piega costiera
 
Togliti dai piedi, dunque, prima che puoi,
 
e non avere bambini tuoi.
 
 
*
 
 
They fuck you up, your mum and dad.
 
They may not mean to, but they do.
 
They fill you with the faults they had
 
And add some extra, just for you.
 
 
 
But they were fucked up in their turn
 
By fools in old-style hats and coats,
 
Who half the time were soppy-stern
 
And half at one another’s throats.
 
 
 
Man hands on misery to man.
 
It deepens like a coastal shelf.
 
Get out as early as you can,
 
And don’t have any kids yourself.
 
 
 
Philip Larkin, da Finestre alte, Einaudi, 2002